Home Calcio Psg-Bayern Monaco 0-1, il risultato in diretta LIVE

Psg-Bayern Monaco 0-1, il risultato in diretta LIVE

73
0

La rivincita. Era il titolo della vigilia, è diventata la copertina ‘disegnata’ dal Psg dopo i 180 minuti tra Monaco e Parigi. I francesi perdono la gara di ritorno contro il Bayern, ma fanno festa in virtù dei gol in trasferta all’andata ed eliminano i campioni in carica, riscattando la sconfitta subita lo scorso agosto nella finale del 2020. Finisce 1-0 per i bavaresi, in vantaggio con l’ex Choupo-Moting al primo tentativo nello specchio dopo i tre legni – e tante altre occasioni – colpiti da Neymar. La squadra di Flick ha le sue opportunità nel secondo tempo per raggiungere la qualificazione, quella di Pochettino getta al vento tante volte il potenziale pareggio in ripartenza ma alla fine tiene la sconfitta di misura che diventa la più bella nella carriera dell’allenatore argentino. I parigini avanzano in semifinale e ora attendono la vincente di City-Dortmund.

Passa il Psg, al Bayern non basta Choupo-Moting

Pochettino recupera Verratti e Florenzi per la panchina, ma non c’è Marquinhos: centrali di difesa giocano Danilo Pereira e Kimpembe, con Dagba e Diallo terzini. Mbappé agisce come prima punta, supportato dal tridente Di Maria-Neymar-Draxler. Tante assenze anche per Flick che deve fare a meno all’ultimo di Goretzka. Al suo posto a centrocampo spazio ad Alaba, con Lucas Hernandez centrale di difesa e Davies a sinistra. Out Lewandowski per infortunio, il riferimento offensivo è ancora l’ex Choupo-Moting, alle sue spalle Sané, Muller e Coman. Meno di tre minuti e il Psg è subito pericoloso con la traccia verticale di Neymar per Mbappé che scatta sul filo del fuorigioco e da posizione decentrata calcia in diagonale, con la palla che termina di poco a lato. Prova a farsi vedere anche il Bayern, ma le opportunità migliori capitano ai padroni di casa. La seconda è per Neymar, favorito da un doppio rimpallo a centro area e murato da Neuer sul tiro ravvicinato. È la prima puntata di un duello tra l’attaccante e il portiere che si ripete più volte all’interno della prima frazione, sempre con il medesimo risultato. Prima, però, tocca a Sané e Kimmich spaventare i francesi con due conclusioni di un soffio a lato. Passata la mezz’ora, su una splendida ripartenza di Mbappé, Neymar deve fare i conti ancora con Neuer che, poco dopo, devia sul palo il mancino del brasiliano. È il 32’ e per l’ex Barça iniziano cinque minuti da incubo. Dopo il palo, infatti, O’Ney ci riprova con un destro a giro che si stampa sulla traversa, due giri di orologio dopo riesce a tirare anticipando l’uscita del portiere e colpisce ancora il legno, il terzo in circa 300 secondi. Neymar non vuole crederci, Pochettino ancora meno perché all’azione successiva la difesa si distrae e incassa l’1-0. Alaba calcia da buona posizione, Navas respinge ma alza la sfera e diventa un invito irresistibile per la ribattuta di testa di Choupo-Moting che firma ancora il gol dell’ex. Lo stesso Alaba, prima dell’intervallo, conclude con violenza dalla distanza e chiama il portiere a un grande intervento.

L’austriaco si rende protagonista anche a inizio ripresa, ma il suo piazzato mancino non inquadra lo specchio. Torna così a brillare il talento di Neymar che riprende a scaldare il piede in una prima occasione e poi si produce in una splendida azione personale in collaborazione con Mbappé e Di Maria che, dopo una grande finta in area, effettua l’assist per chiudere la triangolazione con il brasiliano, di un soffio non puntuale all’appuntamento col gol. Pochettino è costretto a cambiare l’infortunato Diallo con Bakker e proprio da quel lato arriva l’imbucata di Sané che legge il taglio centrale di Muller: il n° 25 del Bayern non riesce a tirare in anticipo su Navas e manca il bis. Flick prova a portare la qualificazione dalla parte dei tedeschi con l’ingresso di Musiala e nel finale di Javi Martinez, usato come torre al centro dell’attacco, ma sia Muller che Sané non sfruttano la chance da buona posizione. Neymar, Mbappé e compagni sprecano a più riprese l’occasione di chiuderla in contropiede, ma al triplice fischio è il loro urlo di gioia a far tremare il Parco dei Principi. Il Psg vola in semifinale e sogna di approdare all’ultimo atto per il secondo anno di fila.

Fonte: Sky Sport